Basilicata · Italia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Chiese rupestri di Matera (MT)

Matera è nota per la sua particolare conformazione per cui viene soprannominata “Città dei sassi”. La città è scavata nella roccia e si presenta come un grande presepe. E’ stata nominata patrimonio UNESCO ed è stata Capitale italiana della cultura per l’anno 2019.

Alcune chiese cittadine sono costruite all’interno della roccia, al pari delle abitazioni, e appaiono molto suggestive e accessibili anche ai non vedenti e ipovedenti. Si tratta di San Pietro Barisano, Santa Lucia alle Malve, Santa Maria de Idris e la Basilica Cattedrale di San Giovanni in Monterrone. In ciascuna di queste chiese sono stati collocati dei pannelli tattili descrittivi della loro forma e del loro aspetto architettonico con testo in braille e presenza di QRcode e sensori NFC che consentono di usufruire di un audio/videoguida in italiano, inglese e Lingua Italiana dei Segni. In San Pietro Barisano è presente anche un plastico in scala che riproduce le più importanti strutture rupestri del territorio e si offre all’esplorazione tattile.

Nelle chiese di San Pietro Barisano e presso la chiesa di Mater Domini, le uniche accessibili alle persone con difficoltà motoria, sono stati installati anche dei visori che consentono di fruire virtualmente di tutto lo spazio architettonico anche laddove non fisicamente possibile.

Per ulteriori informazioni sull’accessibilità con particolare riguardo alle barriere architettoniche della città di Matera si invita a prendere visione della guida realizzata da Handy Superabile al seguente link.

Per info e approfondimenti sulle chiese rupestri, gli orari di apertura e le modalità di visita si rimanda al sito di oltrematera.