Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Villa Adriana e villa d’Este a Tivoli (RM)

Le due ville diverse per cronologia, funzioni e stile sono state da qualche anno accorpate in un unico istituto insieme al Santuario di Ercole vincitore, alla Mensa ponderaria e al Mausoleo dei Plautii sempre a Tivoli.

Villa Adriana è un’area archeologica risalente al II secolo d.C., di circa 120 ettari, un tempo residenza extraurbana costruita per l’imperatore Adriano. Tuttora sono riconoscibili e visitabili: il Teatro marittimo, le piccole e le grandi terme, il Canopo, il Pecile e l’Antinoeion.

Villa d’Este è invece una villa rinascimentale, realizzata dopo il 1560 per il cardinale Ippolito II d’Este dall’architetto Pirro Ligorio e decorata da vari artisti del tardo manierismo romano. Celebre è il suo giardino arricchito da svariate e sorprendenti fontane.

Negli ultimi anni in entrambi i siti culturali sono state intraprese azioni di miglioramento dell’accessibilità a tutti i pubblici. La più recente è l’allestimento di pannelli tattili, in italiano e inglese, con trascrizione bilingue in braille e rappresentazioni a rilievo leggibili con le dita per il giardino di Villa d’Este e per il Santuario di Ercole Vincitore.

Dal sito web è inoltre scaricabile una guida accessibile a persone con disabilità intellettive che illustra le villae, il santuario di Ercole e la mensa ponderaria, prodotta in collaborazione con Anffas (associazione nazionale di famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale).

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito web: levillae.

Villa Adriana – Tivoli| Indirizzo: Largo Marguerite Yourcenar, 1 | Telefono: +39 0774382733 (biglietteria).

Villa d’Este – Tivoli| Indirizzo: piazza Trento, 5| Telefono: +39 0774332920 (biglietteria).

Uno dei pannelli tattili presenti a villa d'Este
Uno dei pannelli tattili presenti a Villa d’Este

Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Terme di Caracalla a Roma (RM)

Uno dei più importanti e meglio conservati complessi termali dell’antichità voluto e dedicato nel 216 d. C. da Caracalla e in uso fino al 537. Furono le più imponenti terme mai realizzate in tutto l’impero romano fino all’inaugurazione di quelle di Diocleziano nel 306.

Era alimentato dall’Aqua Antoniniana, diramazione dell’acquedotto dell’Aqua Marcia. La pianta quadrangolare prevedeva un corpo centrale accessibile da quattro porte disposte sulla facciata nord-orientale. In asse erano calidarium, tepidarium, frigidarium e natatio; simmetricamente erano disposti le palestre ed altri ambienti. Oltre agli ambienti per il bagno e la cura del corpo non mancavano i luoghi per il passeggio e lo studio. Ricco l’apparato decorativo in marmi, mosaici, stucchi dipinti e sculture.

È presente un percorso tattile con plastico volumetrico delle terme e pannelli con mappe a rilievo, didascalie in braille e a caratteri ingranditi. I pannelli sono studiati per illustrare l’area archeologica e offrire approfondimenti sulle tecniche edilizie e decorative.

Per prenotazioni e acquisto biglietti si rimanda al sito di Coopculture.

Terme di Caracalla – Roma |Indirizzo: Via delle terme di Caracalla|Telefono: +39 06 39967702.

Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Museo Hendrik Christian Andersen di Roma (RM)

La casa-museo apparteneva allo scultore norvegese-americano Hendrik Christian Andersen (Bergen, 1872-Roma, 1940), vissuto a Roma dalla fine dell’Ottocento fino alla morte. L’edificio fu costruito e decorato a partire dal 1922 in stile eclettico neo-rinascimentale e accoglie i due grandi atelier con le opere dell’artista e la sua abitazione, ora utilizzata per mostre temporanee dedicate ad artisti stranieri dell’Otto e del Novecento fino alla contemporaneità.

La collezione permanente è dedicata alle opere di Andersen e include oltre duecento sculture di grandi, medie e piccole dimensioni in gesso e bronzo; oltre duecento dipinti e oltre trecento opere grafiche.

Il museo è stato protagonista del progetto sperimentale di comunicazione e accessibilità culturale denominato “Museo Facile”, intrapreso sin dal 2012 grazie alla collaborazione tra l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale,  il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e altri partner promotori. Le soluzioni studiate hanno come fine ultimo il miglioramento dell’accessibilità soprattutto in funzione di alcuni specifici destinatari: gli adulti madrelingua italiani con aspetti di analfabetismo di ritorno e funzionale, le comunità straniere di immigrati privi ancora di strumenti di comprensione della lingua italiana e le persone con disabilità visiva e uditiva. Per i non vedenti e gli ipovedenti è stato realizzato un modello tridimensionale della Fontana della Vita, il monumento più significativo della città ideale progettata da Andersen, e una mappa tattile che riproduce l’articolazione delle sale del piano terra e la disposizione delle opere. Si è voluto evitare l’impiego di classiche tavole termoformate per prediligere un supporto a forte contrasto cromatico tale da renderlo accessibile a tutti. A corredo è stata inserita una legenda a caratteri ingranditi e braille e predisposto un QRcode per fornire a chi lo voglia ulteriori approfondimenti tramite smartphone e tablet. Inoltre sono state selezionate alcune opere in bronzo per l’esplorazione tattile.

Per info e approfondimenti si rimanda alla pagina Facebook del Museo Hendrik Christian Andersen.

Museo Hendrik Christian Andersen – Roma (RM) Indirizzo: via Pasquale Stanislao Mancini, 20 |Telefono: 06 3219089.

Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Parco Archeologico del Colosseo di Roma (RM)

Tra i siti archeologici più importanti in Italia e nel mondo, il parco comprende il Colosseo, la Domus Aurea, l’Arco di Costantino, la Meta Sudans e l’area archeologica del Foro romano-Palatino.

Il parco negli ultimi anni ha potenziato le condizioni di accessibilità per i suoi visitatori. Rimangono difficilmente raggiungibili alcune aree del Foro romano-Palatino per persone su carrozzina, a causa delle pendenze e della pavimentazione antica, ma si sta lavorando al miglioramento dei percorsi. Diversamente, il Colosseo è in buona parte accessibile grazie anche alla presenza di un ascensore che consente la salita e l’accesso al II livello. Disponibili per la visita delle sedie a rotelle sia al Colosseo che nell’area archeologica.

Particolari attenzioni si stanno prestando all’elaborazione di iniziative per non vedenti, non udenti, anziani con Alzheimer, persone con Parkinson e loro familiari.

Nell’area archeologica come nel Colosseo sono dislocati dei pannelli tattili con didascalie in italiano/inglese, in braille e disegni tattili che consentono di individuare le forme architettoniche degli antichi monumenti così come sopravvivono o come dovevano essere originariamente. I pannelli tattili si incontrano pure all’interno del Museo Palatino dove sono state collocate delle copie in stampa 3D di alcuni importanti pezzi, alla portata di tutti i visitatori per una visita in autonomia. E’ in preparazione un guida tattile dal titolo “Museo Palatino. Accarezzare la Storia di Roma” che consentirà di prepararsi alla visita.

Per non udenti sono disponibili video guide in LIS e ASL al Colosseo e in preparazione anche per l’area archeologica del Foro romano-Palatino. Il parco organizza saltuariamente visite guidate tattili per non vedenti e in Lingua Italiana dei Segni per non udenti, che si possono richiedere anche su prenotazione.

All’interno della programmazione di attività accessibili rientra anche “Park-in-PArCo”, il progetto consistente in attività laboratoriali – teatrali, di yoga, di danza e movimento – volte alla riabilitazione delle malattie neurologiche.

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web: Parco Archeologico del Colosseo.

Parco Archeologico del Colosseo – Roma (RM)|Indirizzo: Piazza S.Maria Nova, 53|Telefono: 06 69984636.

Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Galleria Borghese di Roma (RM)

Il nome della Galleria si associa al fondatore della collezione, il cardinale Scipione Caffarelli Borghese (1577-1633), nipote del papa Paolo V Borghese e tra i maggiori committenti del suo tempo. Importanti e numerosi sono i dipinti da lui raccolti e ancora oggi esposti nella villa che porta il suo nome nel cuore del più grande parco verde di Roma. Tra i capolavori che qui si possono ammirare: la Deposizione Baglioni di Raffaello, fatta rubare dallo stesso Scipione dalla chiesa di San Francesco al Prato di Perugia; L’Amore Sacro e l’Amore Profano di Tiziano Vecellio; di Caravaggio il Bacchino malato, il Fanciullo con canestro di frutta, Davide con testa di Golia, la Madonna dei Palafrenieri;  di Gianlorenzo Bernini Apollo e Dafne, il Ratto di Proserpina, il David, il gruppo di Enea, Anchise e Ascanio.

Il museo si sta dotando di pannelli tattili in braille per il percorso di visita. Uno è già disponibile all’esterno dell’edificio e consente di analizzare la planimetria della villa e di farsi un’idea del prospetto.

Visite guidate sono studiate specificatamente per non vedenti e non udenti sono condotte su prenotazione telefonica dal personale V.A.M.I. (Volontari Associati per i Musei Italiani).

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web del museo: Galleria Borghese.

Galleria Borghese – Roma (RM) | Indirizzo: Piazzale Scipione Borghese 5,
00197 Roma, Italia| Telefono: 0685357564.

DSC_0068modGianlorenzo Bernini, Ratto di Proserpina, Galleria Borghese, Roma @Anna Sgarrella

Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Musei Civici di Roma (RM)

Svariati musei romani del circuito dei “Musei in Comune” si sono dotati di materiali di supporto per una visita tattile in autonomia (sussidi in braille e a caratteri ingranditi e materiale tiflodidattico), e garantiscono visite guidate tattili su richiesta con personale specializzato. Tra questi i Musei Capitolini, il Museo di Roma a Palazzo Braschi, il Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, la Galleria d’Arte Moderna, il Museo di Casal de’ Pazzi, i Mercati di Traiano, il MACRO, il Museo Carlo Bilotti, Museo della Casina delle Civette e il Museo di Casal de’Pazzi.

Avviati pure progetti di accessibilità per non udenti con realizzazione di videoguide in Lingua Italiana dei Segni.

Ho dedicato qui una sezione più approfondita ai Musei Capitolini e mi prometto di farlo anche per gli altri musei civici. Nel frattempo per info e approfondimenti rimando al sito web del circuito: www.museiincomuneroma.it

 

Italia · Lazio · Musei e Siti Culturali Accessibili

Musei Capitolini di Roma (RM)

I Musei Capitolini sono considerati il primo museo pubblico al mondo poiché il primo e più antico nucleo della collezione risale al 1471, quando papa Sisto IV donò al popolo romano una raccolta di statue bronzee provenienti dal Laterano, che fece collocare sulla piazza del Campidoglio e nel Palazzo dei Conservatori. Tra i più celebri la famosa Lupa con i gemelli Romolo e Remo, i frammenti della statua colossale di Costantino, il Marco Aurelio in bronzo (anticamente sulla piazza dove oggi è sostituito da copia), il Galata morente, la Venere capitolina, il pannello in opus sectile dalla Basilica di Giunio Basso, la Buona Ventura e il San Giovanni Battista di Caravaggio, solo per citarne alcuni.

Come altri musei comunali di Roma si è dotato di un percorso tattile da fruire in autonomia con uso di guanti monouso disponibili in biglietteria per toccare le sculture originali che incontra in collezione. Dei pannelli tattili illustrano la planimetria del museo e altri sono predisposti in corrispondenza di alcune opere più rilevanti; sono presenti dei modelli tattili della piazza del Campidoglio e dei suoi palazzi e su richiesta anche guide in braille con vari itinerari. In alternativa è possibile partecipare a visite guidate che percorrono le postazioni tattili e includono l’ascolto di brani musicali o di testi specifici attinenti al percorso illustrato.

Nell’ambito dei progetti di accessibilità del programma “Musei da Toccare” è stata realizzata una videoguida in Lingua Italiana dei Segni, disponibile presso il museo oltre che sul canale youtube dei Musei in Comune.

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web: Musei Capitolini.

Musei Capitolini – Roma (RM)|Indirizzo: Piazza del Campidoglio 1, 00186 |Telefono: 060608.

IMG_20160228_155318Nella foto: San Giovanni Battista di Caravaggio con pannello termoformato @Anna Sgarrella