Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Museo Civico di Scienze Naturali di Bergamo (BG)

Il Museo intitolato ad Enrico Caffi è nella Città Alta di Bergamo. Nato nel 1871 fu inaugurato nel 1918. Con oltre 1800 mq di superficie espositiva si articola in varie sezioni: zoologia, paleontologia e scienze della terra. Per quanto riguarda le collezioni zoologiche, sono presenti esemplari della fauna bergamasca e altri provenienti da tutto il mondo. Tra gli invertebrati si distingue una raccolta di artropodi con più di un milione di reperti. Per quanto riguarda le scienze della terra spicca un insieme di pietre ornamentali, minerali e pietre da costruzione. Infine la collezione paleontologica comprende più di 55.000 reperti tra cui fossili bergamaschi del periodo Triassico superiore.

Lungo il percorso di visita è possibile farsi accompagnare da un’audioguida in italiano e in inglese direttamente scaricabile sul proprio smartphone tramite QRcode nonché disponibile sul sito web del museo. Sono predisposti anche pannelli descrittivi in braille e mappa a rilievo delle sale espositive. Disponibile un percorso multisensoriale e inclusivo per scoprire le collezioni: tra le varie attività è possibile toccare campioni di pelle e lo scheletro di alcuni vertebrati, manipolare pietre e minerali; si può scoprire con le mani il processo di fossilizzazione, sperimentare le proprietà fisiche dei minerali e ascoltare il canto delle diverse specie di uccelli.

Per approfondimenti si rimanda al sito web del Museo.

Museo Civico di Scienze Naturali – Bergamo (BG)| Indirizzo: Piazza della Cittadella, 10, 24129| Telefono: +39 035286011.

Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

GAM – Galleria d’arte moderna di Milano (MI)

La Galleria d’arte moderna di Milano è ospitata nella Villa Belgiojoso edificata nel Settecento dall’architetto Leopoldo Pollack, circondata da un giardino all’inglese. Raccoglie opere di importanti artisti milanesi e italiani del XVIII e XIX secolo a cui si aggiungono donazioni di importanti famiglie che includono capolavori di artisti internazionali. È così possibile ammirare nelle sale della Villa Francesco Hayez, Pompeo Marchesi, Andrea Appiani, Giovanni Segantini, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Antonio Canova, Medardo Rosso, Gaetano Previati, Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Giovanni Boldini, Vincent Van Gogh, Paul Cézanne, Pablo Picasso, Amedeo Modigliani.

Per non vedenti sono disponibili un servizio di visite guidate tattili su prenotazione e audioguide per una visita in autonomia. Tra i materiali inoltre un diagramma tattile della villa e delle brochure in braille del percorso. L’elenco delle opere facenti parte del percorso è disponibile sul sito web della GAM insieme ai dettagli per la prenotazione delle visite tattili.

GAM – Galleria d’Arte Moderna – Milano (MI) | Indirizzo: Via Palestro, 16, 20121 |Telefono: +39 0288445943; +39 02.67625503 (per prenotare le visite guidate tattili).

Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

SIMUL – Sistema Museale Urbano di Lecco (LC)

Il sistema museale della città di Lecco è costituito dai seguenti musei e monumenti: Villa Manzoni, Palazzo Belgiojoso, Palazzo delle Paure e Torre Viscontea.

I quattro edifici sono rappresentativi della storia lecchese dal medioevo all’età contemporanea. La Torre Viscontea trecentesca è quanto rimane di un castello e delle fortificazioni medievali cittadine. Villa Manzoni e Palazzo Belgiojoso sono testimonianze architettoniche del Sei-Settecento mentre Palazzo delle Paure fu costruito a inizio Novecento in stile eclettico neomedievale.

Al loro interno sono esposte collezioni di varie epoche. In Palazzo Belgioioso si passa dall’archeologia (Museo archeologico) alla storia moderna e contemporanea (Museo storico), dalla storia naturale (Museo di Storia naturale) alla scienza astronomica (Planetario Civico). Villa Manzoni è la casa museo dedicata all’illustre Alessandro Manzoni, alla sua vita, alla sua attività di scrittore, al suo rapporto con la politica e la storia del suo tempo; presente anche una biblioteca specializzata che tra le altre cose conserva un fondo manzoniano, una sezione separata d’archivio storico cittadino e una fototeca.

Di recente sono stati realizzati tre percorsi tattili e multisensoriali nei musei di Palazzo Belgiojioso: il Museo Archeologico, il Museo Storico e il Museo di Storia Naturale. E’ stata creata un app che accompagna la visita e che tramite un dispositivo “Arduino”, consegnato al visitatore all’ingresso, si attiva in sala o all’avvicinarsi ad una postazione tattile fornendo le informazioni audio in italiano e/o inglese. Ulteriori informazioni sulle opere e i materiali esposti sono forniti da schede tattili da esplorare con le dita, pure dotate di QRcode che rimanda ad un testo da leggere mediante smartphone o tablet. Nei tre musei una selezione di opere originali è esplorabile tattilmente ma il percorso multisensoriale include ulteriori attenzioni. All’ingresso di ciascun museo una mappa permette di localizzare le postazioni multisensoriali dislocate nel percorso. Nel Museo Archeologico sono disponibili per l’esplorazione tattile anche alcune copie di quei pezzi che altrimenti non potrebbero essere toccati per ragioni conservative. Nel Museo Storico è stata riprodotta allo stesso fine una divisa garibaldina; è poi stato creato un totem touch su “Cinema e industria” ed un finger mouse virtuale con filmati accompagnati da narrazione vocale. Postazioni tattili e sonore e un totem accessibile pure all’olfatto sono inoltre presenti nel Museo di Storia Naturale.

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web del Comune di Lecco e al sito web del Sistema Museale Urbano Lecchese.

SIMUL Sistema Museale Urbano – Lecco (LC) | Telefono: +39 0341 481247.

Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Pinacoteca di Brera di Milano (MI)

La Pinacoteca che ha sede nel Palazzo di Brera accoglie una delle più celebri raccolte di dipinti rappresentativi delle varie scuole italiane, dall’epoca tardogotica al Novecento.

Il museo non dispone ancora di un percorso tattile ma ha avviato alcune iniziative multisensoriali al fine di migliorare la visita e la percezione delle opere esposte. Mi riferisco in particolare alle didascalie tessili, consistenti in campioni di tessuto da toccare, dello stesso tipo raffigurato all’interno di certi dipinti. Nelle sale X e XXII sono stati invece posizionati dei diffusori che ricreano nell’ambiente i profumi emanati da alcuni elementi rappresentati nei dipinti, più precisamente l’odore della mirra per l’Adorazione dei Magi di Gaudenzio Ferrari e il profumo del Lilium candidum dipinto nella Madonna della Candeletta di Carlo Crivelli.

Inoltre grazie al progetto DescriVedendo sul sito web del museo sono disponibili le audiodescrizioni di alcuni celebri dipinti (al momento la Pala Montefeltro di Piero della Francesca, il Cristo Morto del Mantegna, Lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, il Ritrovamento del corpo di San Marco di Tintoretto, la Cena in Emmaus di Caravaggio, Il bacio di F.Hayez,).

Insieme ad altri musei milanesi la Pinacoteca di Brera propone dei laboratori di arteterapia rivolti ad anziani con Alzheimer e loro familiari.

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web della Pinacoteca di Brera.

Pinacoteca di Brera – Milano (MI) |Indirizzo: Via Brera, 28, 20121 |Telefono: +39 02 72263 230.

Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Cenacolo Vinciano di Milano (MI)

Presso il Santuario di Santa Maria delle Grazie a Milano è un celebre cenacolo, quello che ospita l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci (1452-1519), realizzata negli anni Novanta del Quattrocento. L’opera era stata dipinta su commissione del signore milanese Ludovico il Moro, con una tecnica a secco, poco adatta alla pittura murale. Infatti, le condizioni ambientali hanno causato la perdita di colore sin dagli anni successivi alla sua realizzazione e richiesto innumerevoli interventi di restauro nel corso dei secoli.

All’interno del refettorio è disponibile una traduzione tridimensionale dell’Ultima Cena realizzata a cura del Museo Tattile Anteros di Bologna. Le audiodescrizioni del Cenacolo e dell’opera pittorica di Leonardo sono disponibili e scaricabili dal sito web e nell’applicazione ufficiale del museo per dispositivi mobile. Informazioni sul Cenacolo, sulla chiesa e sulle altre opere di Leonardo a Milano sono inoltre disponibili sul sito web del museo al quale si rimanda per ulteriori approfondimenti. La prenotazione è obbligatoria tramite telefono  e sito web anche per i biglietti gratuiti .

Cenacolo Vinciano – Milano | Indirizzo: Piazza di Santa Maria delle Grazie, 2, 20123| Telefono: numero verde gratuito, da rete fissa: 800 990 084; numerazione a pagamento, da rete fissa o mobile: 02 92800360 (il servizio è attivo dal lunedì al sabato dalle ore 8.00 alle ore 18.30).

Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Chiese di Milano (MI)

Al fine di migliorare l’accessibilità e abbattere le barriere percettivo-sensoriali, in quindici chiese milanesi, sono stati realizzati degli speciali leggii. Collocati all’ingresso di ciascuno di questi luoghi di culto, riproducono la pianta tattile dell’edificio e forniscono informazioni in lingua italiana e inglese e in Braille circa i vari ambienti, cappelle e le maggiori opere d’arte che vi si trovano. Inoltre un QRcode e un sensore NFC (Near Field Communication) consentono di accedere ad un audio-video guida direttamente dal proprio dispositivo mobile, tablet o smartphone. I contenuti audio si accompagnano a dei video sottotitolati in italiano e inglese e tradotti in Lingua dei Segni perché possano essere usufruiti dai non udenti. Grazie a queste tecnologie si possono scoprire le caratteristiche architettoniche e i caratteri storico-artistici di questi importanti edifici di età medievale e moderna.

Chiese interessate nel progetto:

San Vittore al Corpo, Santa Maria delle Grazie, Sant’Ambrogio, San Maurizio, San Lorenzo, Sant’Eustorgio, San Simpliciano, Sant’Alessandro, Santa Maria presso San Satiro, San Marco, Santa Maria dei Miracoli, San Nazaro in Brolo, San Fedele (da settembre), Sant’Antonio, Santa Maria della Passione.

Progetto analogo è stato avviato in alcune chiese di Venezia, alle quali ho dedicato un’articolo qui.