Marche · Musei e Siti Culturali Accessibili

Pinacoteca civica di Ascoli Piceno (AP)

Inaugurata nel 1861 in Palazzo dell’Arengo ospita i dipinti su tela e tavola provenienti dai monasteri di Sant’Angelo Magno, di San Domenico e dei Gesuiti, soppressi nel 1861. Le sale sono impreziosite dal mobilio sette e ottocentesco, da tendaggi e lampadari in vetro di murano. Nelle quindici sale sono esposti pure sculture, affreschi, raccolte numismatiche, ceramiche, strumenti musicali e miniature.

Nella pinacoteca sono disponibili schede informative in braille, in italiano e in inglese e sono state realizzati bassorilievi tattili in scala, in resina e gesso, di cinque importanti opere: San Sebastiano di Carlo Crivelli, Annunciazione di Guido Reni, L’idillio verde di Pellizza da Volpedo, San Francesco riceve le stigmate di Tiziano, S. Emidio di Pietro Tedeschi. A supporto della visita si può usufruire del servizio di audioguida o di visita guidata tattile. Vengono organizzati laboratori inclusivi multisensoriali e di manipolazione dell’argilla.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti si rimanda al sito web della pinacoteca.

Pinacoteca civica – Ascoli Piceno | Indirizzo: Piazza Arringo, 63100 | Telefono: +39 0736298213;  +39 333 3276129 (per visite e laboratori).

Italia · Marche · Musei e Siti Culturali Accessibili

Musei civici di Macerata (MC)

Il circuito dei musei civici di Macerata è costituito dai Musei civici di Palazzo Buonaccorsi, l’Arena Sferisterio, la Biblioteca comunale Mozzi Borgetti, il Teatro Lauro Rossi, la Torre civica, il Museo di Storia Naturale e l’area archeologica di Helvia Ricina. Negli ultimi anni questi musei hanno partecipato al progetto “Museo di tutti e per tutti” prestando una particolare attenzione ai temi dell’accessibilità e sviluppando dei percorsi accessibili ed inclusivi. Sono oggi disponibili schede in braille e per ipovedenti, un video in Lingua Italiana dei Segni (LIS) e un video con voce narrante che illustrano questi luoghi della cultura; i video sono facilmente accessibili su YouTube e in loco tramite QRcode e sensori NFC.

Nell’ambito del circuito di Macerata Musei, il Museo delle carrozze in Palazzo Buonaccorsi per la sua guida inclusiva ha ricevuto il Premio Inclusione 3.0 nel marzo 2021. È stato sviluppato un percorso tattile che coinvolge diversi modelli di carrozze con audio descrizioni accessibili tramite QRcode e schede braille. Inaugurato nel 1962 e incrementato con varie donazioni negli anni successivi, illustra la storia della carrozza moderna fino al tardo Ottocento. Tra gli esemplari in collezione sono presenti carrozze sportive, di servizio, una portantina a mano del Settecento per il trasporto di dame, una carrozza ottocentesca modello Wourche, due carrozzini per bambini degli anni venti del Novecento. Inoltre sono esposti selle, morsi, frustini, briglie, ferri da cavallo, finimenti per attacchi a pariglia, a quattro o a sei nonché libri, manuali di ippica, stampe e fotografie d’epoca.

Sempre in Palazzo Buonaccorsi per la collezione di Arte Antica e Moderna si è creato un percorso tattile per la scultura del Novecento e si è realizzato il bassorilievo della Madonna con Bambino di Carlo Crivelli agevolando le informazioni di base con schede in braille.

Per info e approfondimenti si veda il sito web di Macerata Musei e del Comune di Macerata.

Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi – Macerata | Indirizzo: via Don Minzoni, 24, 62100 | Telefono: +39 0733256361.

Italia · Marche · Musei e Siti Culturali Accessibili

Domus di via dell’Abbondanza di Pesaro (PU)

L’area archeologica di via dell’Abbondanza a Pesaro è stata musealizzata e inaugurata nel 2015. Si tratta dei resti di una dimora signorile di prima età imperiale (fine I sec. a.C.) riccamente decorata e di strutture riferibili ad epoche successive; sono emersi reperti di epoca romana, medievale e rinascimentale che documentano la vita quotidiana e la storia di quest’area. La lussuosa villa fu più volte ristrutturata e abitata almeno fino alla fine del II secolo d.C. Notevoli sono i mosaici con motivi geometrici e a “tappeto” in tessere bianche e nere mentre gli affreschi dalle tinte forti sono del III stile pompeiano. Abbandonata la villa, nel IV-V secolo d.C. qui venne realizzato un impianto termale di cui è ricostruibile parzialmente la pianta; tra VIII e IX secolo divenne uno spazio cimiteriale al quale si riferiscono una cinquantina di tombe a inumazione specie di bambini e adolescenti. Dall’XI secolo l’area fu utilizzata a scopo abitativo e vi vennero costruite semplici capanne in paglia, fango e legno.

Nel percorso di visita sono disponibili degli ausili multimediali e per non vedenti e ipovedenti sono stati predisposti dei pannelli in braille e modelli tattili.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito di Pesaro Musei e del Comune di Pesaro.

Area archeologica di Pesaro (PU) |Indirizzo: Via dell’Abbondanza 21, 61121 |Telefono: +39 0721 387 541.

Italia · Marche · Musei e Siti Culturali Accessibili

Casa Rossini a Pesaro (PU)

La casa natale di Gioacchino Rossini a Pesaro, accolse il celebre compositore sin dalla nascita nel 1792 e nei suoi primi anni di vita. Il palazzo acquistato dal comune a fine Ottocento fu dichiarato monumento nazionale, adibito a museo nel 1904 e nel 2015 oggetto di un nuovo allestimento. All’interno sono esposte stampe, incisioni, litografie e ritratti appartenuti al grande Alphonse Hubert Martel, collezionista di cimeli rossiniani; sono esposte anche le stampe delle opere di Rossini e dei suoi celebri interpreti, trenta ritratti a stampa e una serie di caricature del compositore, documenti, tra cui lettere e spartiti autografi, libretti originali di opere rossiniane.

Il museo è dotato di un bookshop e di tecnologie multimediali come le postazioni che lungo il percorso consentono l’ascolto di registrazioni sonore di documenti esposti. Sono disponibili per non vedenti testi in braille, tavole a rilievo, audioguide ed è consentita l’esplorazione tattile di alcune opere. Per non udenti sono state prodotte videoguide in Lingua Italiana dei Segni LIS. Alcuni file dell’audioguida e le videoguide in LIS sono disponibili anche sul sito web del museo.

Casa Rossini – Pesaro (PU)|Indirizzo: Via Rossini 34, 61121|Telefono: +39 0721 387357.

Italia · Marche · Musei e Siti Culturali Accessibili

Polo museale di Palazzo dei Priori di Fermo (FM)

Il duecentesco Palazzo dei Priori accoglie una sezione dedicata all’archeologia preromana e ai reperti rinvenuti nel territorio e la pinacoteca con dipinti di scuola marchigiana e veneta, stemmi, manufatti in pietra, costumi, porcellane, arredi. Tra le opere esposte le Storie di Santa Lucia di Jacobello del Fiore, la Crocifissione di Vittore Crivelli la Pentecoste di Giovanni Lanfranco.

Di particolare interesse un arazzo fiammingo realizzato su disegno di Giusto de Gand e il dipinto di Peter Paul Rubens raffigurante L’Adorazione dei Pastori.

Nel percorso di visita della pinacoteca si incontra la Sala del Mappamondo col nucleo più antico della biblioteca, commissionata dal Cardinale fermano Decio Azzolino il Giovane e realizzata nel 1688 dall’architetto Adamo Sacripante.

Di recente, nell’ambito del progetto Il Museo di tutti e per tutti, sono stati avviati degli interventi con la collaborazione del Museo tattile Omero di Ancona. Sono attualmente disponibili un plastico in scala del Palazzo dei Priori, una pubblicazione in braille sulla Sala del Mappamondo, un modello di libro antico, in parte in pergamena e parte in carta, un pannello in legno con riprodotti i dorsi di antichi libri, del tipo esposto nelle antiche scaffalature in legno. Inoltre per favorire un’esperienza multisensoriale è stato concepito un impianto di audio diffusione di musica seicentesca nella sala.

In favore dei non udenti sono stati realizzati due video in Lingua Italiana dei Segni.

Per info e approfondimenti si rimanda al polo museale di Fermo.

Palazzo dei Priori – Fermo (FM)|Indirizzo: Piazza del Popolo,5, 63900|Telefono: +39 0734 217140

 

Italia · Marche · Musei e Siti Culturali Accessibili

Galleria Nazionale delle Marche – Palazzo Ducale di Urbino (PU)

La Galleria Nazionale delle Marche è ospitata nel Palazzo Ducale di Urbino, costruito nel Quattrocento dagli architetti Luciano Laurana e Francesco di Giorgio Martini, per volere di Federico da Montefeltro. La corte urbinate accolse grandi artisti del Rinascimento, per citarne alcuni: Piero della Francesca, Leon Battista Alberti, gli stranieri Giusto di Gand e Pedro Berruguete. All’interno degli ambienti sono esposti dipinti e sculture dal XIV al XVIII secolo, ceramiche, monete, disegni e arredi. Uno degli spazi più interessanti è il famoso studiolo di Federico da Montefeltro, un ambiente completamente decorato con tarsie in legno che riproducono con un effetto illusionistico scaffali ricchi di oggetti scientifici, libri, armi e strumenti musicali, armadi con ante parzialmente aperte e finestre aperte sull’esterno. Nella parte alta delle pareti erano collocati 28 ritratti di Uomini Illustri su due registri, la metà dei quali oggi al Museo del Louvre.

Nell’ottica di migliorare l’accessibilità ai suoi visitatori non vedenti e i non udenti, il museo ha elaborato dei nuovi percorsi multisensoriali. E’ stato allestito un percorso tattile che prevede dei bassorilievi tridimensionali in resina di opere pittoriche e disegni a rilievo di alcuni importanti capolavori in collezione, come la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca (1474), la Muta di Raffaello (1507) e la Città ideale (1480-90), oltre ai due modelli architettonici, di cui uno piccolo volumetrico, l’altro più grande che riproduce la bicromia del laterizio e della pietra apprezzabile anche dagli ipovedenti. La visita autonoma di ciascun manufatto interessato è supportata da didascalie in braille e a caratteri ingranditi, contenuti video audiodescritti disponibili mediante l’utilizzo di uno smartphone dotato di rilevatore di NFC (near field communication). E’ inoltre disponibile e consultabile la pubblicazione dedicata al Palazzo, scritta in braille ed illustrata con disegni a rilievo. Per non udenti sono disponibili audio video guide in Lingua Italiana dei Segni con sottotitoli in italiano e inglese e un video pure in LIS disponibile nel percorso di visita.

Galleria Nazionale delle Marche – Urbino (PU) | Indirizzo: piazza Duca Federico, 61029 | Telefono: 0722 2760

DSC_1720

Nella foto: Madonna di Senigallia di Piero della Francesca, modello tattile

con didascalia in braille e con caratteri ingranditi e rilevatore NFC