Perché Musensory?

È la combinazione di Museum e Sensory perché qui si parla di musei accessibili a persone con difficoltà sensoriali, di arte che coinvolge tutti e cinque i sensi, di multisensorialità quale strumento di inclusione per iniziative culturali accessibili a tutti indistintamente.

L’idea di questo sito nasce in occasione della stesura della mia tesi finale presso la Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici dell’Università di Firenze dal titolo “Accessibilità, multisensorialità e nuove tecnologie in favore delle persone non vedenti e ipovedenti nei musei italiani”.

Confrontandomi con il materiale presente sul web mi sono resa conto della mancanza di un punto di riferimento per persone non vedenti e ipovedenti in cui poter rintracciare informazioni relative all’accessibilità e alle iniziative loro dedicate in musei, monumenti, aree archeologiche, parchi, chiese e di altri luoghi di interesse culturale. Alcune pagine raccolgono informazioni generiche sull’accessibilità di alcuni di questi luoghi ma nella maggior parte dei casi si riducono a indicazioni sulle presenza o meno di barriere architettoniche, senza tener conto di quelle di tipo sensoriale e percettivo.

Da qui il mio desiderio di creare un sito che possa raccogliere informazioni verificate sull’accessibilità, essere utile a chi ha delle difficoltà sensoriali e progetta un viaggio e la visita di un museo. Spero possa servire anche a quei musei che cercano delle idee per rendersi accessibili perché molto spesso basta solo un po’ di buona volontà e soprattutto la consapevolezza che l’accesso all’arte è un diritto di tutti.