Basilicata · Italia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Museo Massimo Pallottino di Melfi (PZ)

Il Museo ha sede presso il castello federiciano di Melfi. Espone un’ampia collezione di reperti provenienti dal territorio del vulture-melfese, dell’arco cronologico che va dal VII al III sec. a.C. Vi si trovano armi in bronzo, ornamenti preziosi e carri da parata, facenti parte di corredi funerari, ceramiche a figure rosse, della tipologia invetriate, vasi policromi. Il castello di pianta poligonale, munito di torri e accessibile mediante ponte, in origine levatoio.

All’interno del museo un ascensore e delle rampe garantiscono l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’accessibilità degli spazi. Disponibile il modello tattile ligneo del castello e un pannello visivo tattile del percorso museale con informazioni e piante dei tre piani. Grazie a NFC e QRcode si può accedere ad una guida audio-video con sottotitoli e traduzioni in LIS.

Per ulteriori informazioni si rimanda al sito web del museo.

Museo Massimo Pallottino – Melfi (PZ) | Indirizzo: Via Normanni – Castello Federiciano, 85025 | Telefono: 0972238726.

Pubblicità
Italia · Musei e Siti Culturali Accessibili · Piemonte

GAM Galleria d’arte moderna e contemporanea di Torino (TO)

La Galleria d’arte moderna e contemporanea di Torino ospita collezioni d’arte dell’Otto e Novecento. Spiccano Antonio Canova, Giovanni Fattori, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Pablo Picasso, Amedeo Modigliani, Andy Warhol, Giorgio De Chirico e Lucio Fontana.

Nel percorso museale sono state predisposte in corrispondenza di alcune opere selezionate delle schede multimediali da toccare, ascoltare e leggere alla portata di tutti. Le schede sono composte da immagine ad alta definizione o mappa, versione a rilievo percepibile tattilmente, testi ad alta leggibilità, titoli e autori tradotti in braille, Qr code e NFC per accedere a contenuti multimediali, ovvero audiodescrizioni in italiano e inglese e riprese video in LIS Lingua Italiana dei Segni. Il materiale multimediale nonché le schede tattili pronte per la stampa sono disponibili anche sul sito web del museo.

Su richiesta è possibile effettuare delle visite guidate in LIS o visite tattili seguite da laboratorio aperte a non vedenti e a chiunque voglia conoscere la collezione con l’ausilio del tatto.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito web della GAM.

GAM Galleria d’arte moderna e contemporanea – Torino (TO) | Indirizzo: Via Magenta 31, 10128 | Telefono: +39 0114429630.

Italia · Lombardia · Musei e Siti Culturali Accessibili

SIMUL – Sistema Museale Urbano di Lecco (LC)

Il sistema museale della città di Lecco è costituito dai seguenti musei e monumenti: Villa Manzoni, Palazzo Belgiojoso, Palazzo delle Paure e Torre Viscontea.

I quattro edifici sono rappresentativi della storia lecchese dal medioevo all’età contemporanea. La Torre Viscontea trecentesca è quanto rimane di un castello e delle fortificazioni medievali cittadine. Villa Manzoni e Palazzo Belgiojoso sono testimonianze architettoniche del Sei-Settecento mentre Palazzo delle Paure fu costruito a inizio Novecento in stile eclettico neomedievale.

Al loro interno sono esposte collezioni di varie epoche. In Palazzo Belgioioso si passa dall’archeologia (Museo archeologico) alla storia moderna e contemporanea (Museo storico), dalla storia naturale (Museo di Storia naturale) alla scienza astronomica (Planetario Civico). Villa Manzoni è la casa museo dedicata all’illustre Alessandro Manzoni, alla sua vita, alla sua attività di scrittore, al suo rapporto con la politica e la storia del suo tempo; presente anche una biblioteca specializzata che tra le altre cose conserva un fondo manzoniano, una sezione separata d’archivio storico cittadino e una fototeca.

Di recente sono stati realizzati tre percorsi tattili e multisensoriali nei musei di Palazzo Belgiojioso: il Museo Archeologico, il Museo Storico e il Museo di Storia Naturale. E’ stata creata un app che accompagna la visita e che tramite un dispositivo “Arduino”, consegnato al visitatore all’ingresso, si attiva in sala o all’avvicinarsi ad una postazione tattile fornendo le informazioni audio in italiano e/o inglese. Ulteriori informazioni sulle opere e i materiali esposti sono forniti da schede tattili da esplorare con le dita, pure dotate di QRcode che rimanda ad un testo da leggere mediante smartphone o tablet. Nei tre musei una selezione di opere originali è esplorabile tattilmente ma il percorso multisensoriale include ulteriori attenzioni. All’ingresso di ciascun museo una mappa permette di localizzare le postazioni multisensoriali dislocate nel percorso. Nel Museo Archeologico sono disponibili per l’esplorazione tattile anche alcune copie di quei pezzi che altrimenti non potrebbero essere toccati per ragioni conservative. Nel Museo Storico è stata riprodotta allo stesso fine una divisa garibaldina; è poi stato creato un totem touch su “Cinema e industria” ed un finger mouse virtuale con filmati accompagnati da narrazione vocale. Postazioni tattili e sonore e un totem accessibile pure all’olfatto sono inoltre presenti nel Museo di Storia Naturale.

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web del Comune di Lecco e al sito web del Sistema Museale Urbano Lecchese.

SIMUL Sistema Museale Urbano – Lecco (LC) | Telefono: +39 0341 481247.

Emilia Romagna · Italia · Musei e Siti Culturali Accessibili

Museo internazionale e biblioteca della Musica di Bologna (BO)

Il museo custodisce un ricco e variegato patrimonio di beni musicali ospitato all’interno del Palazzo donato alla città da Eleonora Sanguinetti nel 1986, adorno di affreschi di fine Settecento-inizi Ottocento. Sei secoli di storia della musica europea sono illustrati attraverso un centinaio di dipinti di personaggi illustri del mondo della musica, facenti parte della quadreria di Padre Martini – padre francescano, teorico della musica, musicista, compositore, accademico filarmonico – e più di ottanta strumenti musicali antichi. Tra i pezzi più particolari il clavicembalo e il monocordo del Trasuntino, il flauto a cinque canne, il pianoforte Pleyel del 1844 di Gioachino Rossini, vari corni inglesi, alcuni cornetti e oboi.

Il museo fa parte dell’Istituzione Bologna Musei e si affianca ad una ricca biblioteca musicale con manoscritti e libri a stampa. Il nucleo principale è quello di Padre Martini, consistente in migliaia di volumi musicali tra incunaboli, musica a stampa, manoscritti, libretti d’opera, ecc. Al fondo si aggiungono i volumi del discepolo Stanislao Mattei, l’archivio del Liceo Musicale nonché acquisti e doni di Gaetano Gaspari, bibliotecario del Liceo nel secondo Ottocento.

Nel museo sono disponibili mappe tattili accompagnate da testi in Braille che illustrano la storia e i caratteri di alcuni strumenti musicali esposti. Nella sezione dedicata alla notazione musicale alcune mappe permettono di esplorare il pentagramma, il tabulato e i neumi della notazione medievale mentre i testi descrittivi ripercorrono la storia della scrittura musicale dal Medioevo all’Ottocento. Un’altra sezione è dedicata al teatro comunale cittadino e le mappe tattili consentono di esplorarne la forma a confronto con quella di un anfiteatro a scaloni.

Le mappe come i testi si possono richiedere presso la biglietteria del museo; inoltre i testi sono disponibili in versione audio sull’App del museo stesso mediante un qualsiasi dispositivo mobile.

Per info e approfondimenti si rimanda al sito web del Museo internazionale e biblioteca della musica.

Museo internazionale e biblioteca della musica – Bologna (BO)|Indirizzo: Strada Maggiore, 34 – 40125|Telefono: +39 051 2757711.

Italia · Musei e Siti Culturali Accessibili · Veneto

Chiese di Venezia (VE)

È stato avviato un progetto, che coinvolge ventitré chiese veneziane, volto al miglioramento dell’accessibilità e all’abbattimento di barriere percettivo-sensoriali.

Attualmente è stato completato in sei chiese: il Santuario di LuciaSan Rocco, Santo Stefano, Santa Maria del Giglio, San Moisé e la basilica di Santa Maria Gloriosa dei Frari. All’ingresso di ciascuno di questi luoghi di culto è stato collocato un leggio sul quale è riprodotta la pianta tattile e sono inserite delle informazioni in lingua italiana e inglese e in Braille circa i vari ambienti, cappelle e le maggiori opere d’arte che vi si trovano. Inoltre un QRcode e un sensore NFC (Near Field Communication) consentono di accedere ad un audio-video guida direttamente dal proprio dispositivo mobile, tablet o smartphone. I contenuti audio si accompagnano a dei video sottotitolati in italiano e inglese e tradotti in Lingua dei Segni perché possano essere usufruiti dai non udenti. Grazie a queste tecnologie si possono scoprire le caratteristiche architettoniche e i caratteri storico-artistici di questi importanti edifici, che ospitano tra l’altro alcuni capolavori del famoso pittore veneziano Jacopo Tintoretto.

Chiese interessate nel progetto:

Santuario di Lucia – Venezia| Indirizzo: Cannaregio, 272, 30121 | Indirizzo email: info@santuariodilucia.it | Sito webSantuario di Lucia.

San Rocco – Venezia| Indirizzo: San Polo, 3052, 30125 | Telefono: 0415234864 | Sito webSan Rocco.

Santa Stefano – Venezia | Indirizzo: Campo Santo Stefano, 30124| Telefono: 041 2750462| Sito web: Santo Stefano.

Santa Maria del Giglio – Venezia | Indirizzo: Campo Santa Maria del Giglio San Marco, 30125 | Telefono: 041 2750462 | Sito webSanta Maria del Giglio.

San Moisè – Venezia | Indirizzo: Salita S. Moise, 1390/A, 30124 | Telefono: 041 528 5840.

Santa Maria Gloriosa dei Frari – Venezia | Indirizzo: San Polo, 3072, 30125 | Telefono: 041 272861| Sito web: Basilica dei Frari.

Progetto analogo è stato avviato in alcune chiese di Milano, alle quali ho dedicato un’articolo qui.